Cheesecake mascarpone, Nutella e amaretti

cheesecake-mascarpone-nutella

Sarà che da quando ho due terremoti in casa non ho più la tranquillità per dedicarmi a preparazioni dolci (e non) laboriose, ma a me le cheesecake (quelle prive di cottura) piacciono un sacco! Eh sì, perché stanno a frignare o a litigare e ti parte l’ansia e il “non posso fare mai niente!”, stanno tranquilli e ti parte l’ansia lo stesso perché pensi “oddio, devo sbrigarmi, non durerà ancora molto!”. Insomma, come si dice ultimamente: “mai ‘na gioia!”.
Questa ricetta, però, è di una semplicità veramente unica. Basta avere gli ingredienti (tutti, probabilmente, subito disponibili in casa), pochissimo tempo a disposizione e il gioco è fatto. L’unica attesa riguarda l’assaggio: è, ovviamente, necessario tenere la cheesecake qualche ora in frigo prima di poterla gustare…ma l’attesa sarà ampiamente ripagata!

Ingredienti
Per la base:
– 100 gr di biscotti secchi
– 100 gr di biscotti secchi al cacao
– 80 gr di burro fuso

Per la crema: 
– 250 gr di mascarpone (una confezione piccola)
– 200 ml di panna da montare
– 70 gr di zucchero a velo
– 30 gr circa di amaretti sbriciolati

Per la decorazione:
– Nutella q.b.

Procedimento:
1. Fondete il burro a bagnomaria o nel microonde e tenetelo da parte. Tritate tutti i biscotti insieme e poi unite il burro. Fate andare il mixer oppure mescolate a mano fino a che non avrete ottenuto un composto omogeneo.

2. Prendete uno stampo a cerniera apribile, disegnatene la circonferenza su un foglio di carta da forno e poi ritagliatela. Ponete il cerchio di carta ottenuto sulla base dello stampo. Versateci, ora, tutto il composto preparato per la base e, schiacciandolo con le mani, cercate di livellarlo bene. Mettete lo stampo con la base pronta in frigo a compattare.

3. Nel frattempo, passate alla preparazione della crema. Montate molto bene la panna e mettetela da parte. Lavorate a crema, con le stesse fruste della panna (non c’è bisogno di lavarle), il mascarpone con lo zucchero. Unite, poi, la panna e gli amaretti sbriciolati (le cui dosi potete aumentare o diminuire a seconda dei vostri gusti) e mescolate bene. Riprendete lo stampo con la base e versateci dentro tutta la crema ottenuta.

4. Infine, fate sciogliere leggermente la Nutella nel microonde e, utilizzando un cucchiaio, fatela scendere dolcemente a filo sullo strato di crema, formando dei ghirigori casuali che andrete a “ritoccare” delicatamente con lo stesso cucchiaio (più difficile a dirsi che a farsi!). Lasciate  la cheesecake in frigo per qualche ora e gustate!

N.b.: Lo strato di crema non risulta molto alto, diversamente, potete aumentarne (anche raddoppiare) le dosi o usare uno stampo più piccolo.

Annunci

Plumcake yogurt e latte condensato

plumcake-latte-condensato-firma

Ho postato questa foto sul mio profilo instagram tempo fa, con la promessa che la ricetta di questo plumcake sarebbe stata presto, anzi prestissimo, pubblicata sul mio sito…no comment. Tuttavia, meglio tardi che mai!

L’idea nasce, come spesso mi accade, dall’esigenza di utilizzare rimanenze. In questo caso, si tratta del latte condensato, un ingrediente piuttosto nuovo nella mia cucina che avevo adoperato per realizzare una deliziosa kinder paradiso seguendo una ricetta scovata nel web. Be’, di questo latte condensato, che andava utilizzato entro qualche giorno, me ne rimaneva un po’: che farci? Ho pensato di farne un plumcake, ispirandomi alla ricetta di un plumcake allo yogurt collaudata da tempo. Il risultato mi ha lasciata super soddisfatta perché è sì un plumcake molto semplice da colazione, ma, allo stesso tempo, ha un sapore molto pieno che lo rende speciale.

Ingredienti:
– 3 uova
– 180 g di zucchero
– 1 limone, la scorza
– 1 vasetto di yogurt bianco dolce oppure all’albicocca/pesca
– 90 g di latte condensato
– 50 g di burro fuso
– 100 ml di olio di semi
– 30 ml di latte
– 1 pizzico di sale
– 250 g di farina 00
– 1 bustina di vanillina
– 1 bustina di lievito

Procedimento:
1. Con le fruste elettriche, sbattete le uova con lo zucchero e la scorza di limone fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

2. Mettete da parte le fruste e procedete con una spatola in silicone. Unite lo yogurt, il latte condensato, il burro fuso freddo, l’olio di semi, il latte ed il sale.

3. Aggiungete ora la farina poco per volta setacciandola. Terminate con la vanillina ed il lievito.

4. Versate in uno stampo da plumcake ed infornate a 180°, forno statico, per 35/40 min. Una volta freddo, cospargetelo di zucchero a velo.

Tonia

Cheesecake sbriciolata al caffè (senza cottura)

cheesecake-sbriciolata-firma

Come promesso, oggi vi presento un dolce, una cheesecake al caffè priva di cottura e facilissima che vi farà fare un figurone! Con pochi ingredienti e pochi passaggi si può ottenere un dessert fresco e goloso come questa cheesecake sbriciolata al caffè.
L’idea è nata da una ricetta nella quale mi sono imbattuta sul web, ma essa mi è parsa subito alquanto sballata. Non appena ho visto l’immagine e letto gli ingredienti, ho avuto già chiaramente in mente il suo sapore e la sua consistenza, eppure le dosi erano, di primo acchito, davvero eccessive. Pertanto, a quella ricetta ho trafugato l’idea, ma l’ho adattata ai miei gusti e…a ciò che avevo in frigo.

Ingredienti:
– 300 g di biscotti secchi (200 per la base, 100 per la copertura)
– 110 g di burro fuso (75 g per la base, 35 per la copertura)
– 50 ml di caffè ristretto (all’incirca 2 tazzine o poco più) zuccherato con due cucchiaini rasi di zucchero
– 25 g di zucchero a velo
– 250 g di mascarpone
– 200 ml di panna da montare

Procedimento:
1. Preparate il caffè, zuccheratelo e tenetelo da parte.

2. Tritate i biscotti non troppo finemente e poi unitevi il burro fuso. Amalgamate bene e versate 2/3 del composto ottenuto in uno stampo a cerniera apribile, dopo aver ricoperto la sua base con un disco di carta da forno del suo diametro. Pressate con le mani fino a livellare bene il composto. Ponete lo stampo in frigo per un quarto d’ora.

3. Nel mentre, montate molto bene la panna. Poi, con le stesse fruste (non è necessario lavarle) sbattete il mascarpone con lo zucchero a velo per qualche istante fino ad ottenere una crema. Unitevi il caffè e la panna e mescolate con una spatola per ottenere un composto omogeneo.

4. Riprendete lo stampo dal frigorifero e versate sulla base tutta la crema al caffè ottenuta. Terminate con un ultimo strato di biscotti e burro sbriciolandolo con le mani. Pressate leggermente e conservate la cheesecake in frigorifero per qualche ora prima di servirla.

Tonia

Calamarata pesce spada e melanzane

pasta-spade-e-mel-firma

Oggi sono qui davanti al mio pc sola. Sì, SOLA! Stento a crederci.
I piccoli sono fuori con i nonni e staranno via tutto il pomeriggio. Yu uuuuuhh!! Ne approfitto per fare tutto ciò che rimando da tempo: cambio di stagione, pulizia dei balconi, stesura di più articoli arretrati, anzi, arretratissimi, sul blog.
Ed invece…senza quei due rompiscatole mi sento smarrita e in preda all’ansia: cosa staranno facendo? staranno bene? mi cercheranno?
Ecco, sono già le 18:00 passate e non ho fatto niente, o quasi, di quello che mi ero prefissata di fare. Dovevo pure uscire per andare al supermercato e gironzolare spensierata a passo di lumaca tra gli scaffali. Accidenti, sono in ritardo come sempre! E di articoli ne riuscirò a postare al massimo uno! Aaaargh!

Nei prossimi giorni spero di riuscire a postarvi qualche ricetta dolce, oggi, in questi minuti che ho a disposizione, vi spiego come fare un primo piatto gustoso e allo stesso tempo veloce e semplice da realizzare. Di certo non l’ho inventata io, se non sbaglio è piuttosto diffusa in Sicilia (perdonatemi ma non ho il tempo di approfondire), ma questa è la MIA pasta con pesce spada e melanzane. Io adoro la calamarata con il pesce, ma, se volete, potete sostituire questo formato con dei paccheri.

Ingredienti per 4 persone:
– Olio di semi di arachide q.b.
– 180 g di melanzane
– 1 spicchio d’aglio
– Olio extravergine d’oliva q.b.
– 250 g di pesce spada
– Vino bianco q.b.
– 250 g di pomodorini pachino
– Menta q.b. oppure basilico
-Sale q.b.

– 380 g di pasta fresca del tipo calamarata

Procedimento:
1. Tagliate le melanzane a cubetti piuttosto piccoli e friggetele in abbondante olio di semi di arachide fino a doratura raggiunta. Scolatele su carta assorbente e tenetele da parte.

2. In una padella capiente (dovrà contenere tutto il condimento e anche la pasta), fate soffriggere l’aglio nell’olio extravergine d’oliva. Aggiungete il pesce spada, anch’esso tagliato a cubetti, e lasciatelo cuocere qualche minuto. Sfumate con del vino bianco e fatelo evaporare. Unite anche i pomodorini tagliati in 4 ed il basilico. Salate, aggiungete un goccio d’acqua e proseguite la cottura per una diecina di minuti.

3. Nel frattempo lessate la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela al dente, conservando l’acqua di cottura, e tuffatela nel condimento. Continuate la cottura per qualche minuto mantecando con un mestolo di acqua di cottura. Spegnete il fuoco e aggiungete anche le melanzane fritte. Mescolate, impiattate e servite subito.

Tonia

Patate golose

patate golose testoBentrovati miei cari lettori,
finalmente riesco a trovare un po’ di tempo (sperando che la piccola non si svegli…incrociamo le dita!) per il mio blog. Ho qualche ricettina da proporvi da tempo, forse da mesi, ma postarle con i marmocchi tra i piedi è sempre un’impresa titanica!
Quella di oggi ha come ingrediente principale le patate, ma si tratta di patate ripiene di tante cose buone, quindi di un secondo piatto molto ricco che può essere considerato anche un piatto unico. Quanto al ripieno, siete liberi di variarlo come più vi piace, utilizzate pure quello che avete in casa (mi riferisco principalmente agli affettati e ai formaggi). Io ho pelato le patate dal momento che i miei mi avrebbero fatto storie, ma è preferibile lasciare la buccia, anche perché ciò facilita l’operazione di taglio e di farcitura.

Ingredienti per 4 patate ripiene:
– 2 patate medio-grandi
– 20 g di prosciutto cotto
– 20 g di speck
– 50 g di scamorza o galbanino
– 10 g di parmigiano grattugiato più scaglie per la copertura
– Rosmarino e timo q.b.
– 10 g di burro
– Olio extravergine di oliva q.b.
– Sale q.b.
– Pepe q.b.

Procedimento:
1. Lavate le patate e poi lessatele in acqua bollente oppure cuocetele al microonde come vi dico sempre di fare (bucherellate la buccia con i rebbi di una forchetta, ricoprite ogni singola patata con la pellicola e adagiatela sul piatto del microonde. Cuocete per 10 min. circa alla massima potenza, girando le patate a metà cottura).Terminate la cottura quando saranno piuttosto al dente, non fatele stracuocere.

2. Nel frattempo, tagliuzzate gli affettati e la scamorza/galbanino.

3. Una volta cotte le patate, pelatele, se volete, e tagliatele, facendo molta attenzione a non romperle, a meta. Scavate ogni mezza patata con un cucchiaino, fino a lasciare un bordo di mezzo centimetro, e mettete la polpa da parte in una ciotola.

4. Preparate il ripieno schiacciando la polpa con uno schiacciapatate e aggiungendo gli affettati, la scamorza/galbanino, il parmigiano, il rosmarino, il timo, un pizzico di sale e un pizzico di pepe. Mescolate bene e farcite fino all’orlo ogni mezza patata.
Rivestite una teglia con carta da forno  leggermente oliata e adagiatevi le patate.

5. Terminate con un pezzettino di burro su ciascuna patata e qualche scaglietta di parmigiano. Mettete in forno a 200°C e lasciate cuocere per 10-15 min., fino a che le patate non saranno ben gratinate in superficie. Servitele tiepide.

Tonia

Biscotti al cioccolato al latte (riciclo uova di Pasqua)

biscotti cioccolato latte testoContinuo con la sperimentazione di ricette dolci volte a smaltire il cioccolato al latte delle uova di Pasqua…:)

Ingredienti (per una ventina):
– 200 g di cioccolato al latte
– 50 g di burro
– 2 uova
– 70 g di zucchero
– 220 g di farina 00
– 1 bustina di vanillina
– 2 cucchiaini di lievito in polvere

-Zucchero semolato e a velo q.b.

Procedimento:
1. Sciogliete al microonde o a bagnomaria il cioccolato insieme al burro e mettete da parte.

2. Montate le uova insieme allo zucchero. Poi, aggiungete il cioccolato e il burro fusi, la farina, la vanillina e il lievito. Mescolate bene: il risultato sarà un composto molto denso e appiccicoso.

3. Lasciate riposare in frigorifero per almeno mezz’ora.

4. Trascorso il tempo necessario, avrete un impasto morbido ma in grado di essere lavorato. Con un cucchiaio prelevatene una piccola quantità e formate una pallina (quanto alle dimensioni, tenete presente che raddoppierà il suo volume in cottura). Passatela nello zucchero semolato e poi in quello a velo (abbondantemente) e posizionatela su una leccarda ricoperta di carta da forno. Continuate in questo modo fino ad esaurimento dell’impasto.

5. Infornate in forno caldo statico a 180° per 15 min. circa.

Tonia

Risotto asparagi e salmone

DSC_1807testo

Primavera per me vuol dire…asparagi! Questo perché, non appena spuntano i primi asparagi selvatici, il mio papà è lì pronto a non lasciarsene sfuggire neppure uno.
L’arrivo della primavera nel mio paese coincide con l’inizio della competizione tra gli appassionati come mio padre che fanno incetta di asparagi vagando nei boschi. E con i brontolii di mia madre che si ritrova sommersa da asparagi da pulire e cucinare quotidianamente!

Oggi ho accostato questi buonissimi e salutari ortaggi al salmone affumicato e ho dato vita ad un risotto gustoso e molto profumato per via della scorza di limone. Un primo piatto delicato e davvero piacevole, provatelo!

Ingredienti (per 3 persone)
– Brodo vegetale fatto con carota, sedano e cipolla (o con 1 dado, se proprio non avete tempo) q.b.
– 1/4 di cipolla bianca
– Olio extravergine d’oliva q.b.
– 60 g di asparagi, preferibilmente selvatici
– 1/2 bicchiere di vino bianco
– 200 g di riso, preferibilmente del tipo carnaroli
– 60 g di salmone affumicato
– 1/4 di limone, la scorza
– Sale q.b.
– 1 cucchiaio raso di formaggio spalmabile o di panna da cucina (facoltativo)
– 20 g di burro per mantecare
– Parmigiano reggiano grattugiato q.b.

Procedimento:
1. Mettete a soffriggere la cipolla, precedentemente grattugiata (o finemente tritata), nell’olio d’oliva. Poi, aggiungete gli asparagi lavati e tagliati a pezzettini. Fate cuocere un paio di minuti e unite il riso.

2. Fate tostare il riso e, successivamente, sfumate col vino bianco. Una volta evaporato l’alcool, cominciate la cottura del riso aggiungendo qualche mestolo di brodo come fareste con un qualsiasi risotto.

3. A metà cottura, unite il salmone tagliuzzato e la scorza di limone. Continuate la cottura aggiungendo altro brodo.

4. Solo a fine cottura, regolate di sale (assaggiate prima perché il salmone affumicato è generalmente molto sapido di suo) e unite il cucchiaio di formaggio spalmabile/panna.

5. Mantecate col burro e insaporite ulteriormente con il formaggio grattugiato. Togliete dal fuoco e servite subito.

Tonia

Torta al cioccolato al latte e yogurt (riciclo uova di Pasqua)

torta ciocc latte testo

Per tutte le mamme disperate come me perché hanno chili e chili di cioccolato al latte pasquale da smaltire prima che inizi a liquefarsi, una torta da colazione, come direbbe Banderas, “inzupposa” e perfetta per la merenda dei bambini. Una torta al cioccolato semplice semplice, resa soffice dalla presenza dello yogurt, del latte e della fecola. E allora forza, arte del riciclo a noi!

Ingredienti:
– 150 g di cioccolato al latte
– 80 g di burro
– 170 g di zucchero
– 3 uova
– 1 pizzico di sale
– 1 vasetto di yogurt bianco dolce (125 g)
– 80 ml di latte
– 230 g di farina 00
– 70 g di fecola di patate
– 1 bustina di lievito in polvere

Procedimento:
1. Fondete al microonde o a bagnomaria il cioccolato al latte ed il burro insieme. Teneteli da parte.

2. Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso e poi aggiungete il sale, lo yogurt ed il latte a filo. Incorporate anche il cioccolato ed il burro fusi e, successivamente, la farina, la fecola e il lievito setacciandoli insieme direttamente sul composto. Fate questa operazione con delicatezza, utilizzando una spatola in silicone e con un movimento dal basso verso l’alto.

3. Foderate con la carta da forno uno stampo di 26 cm di diametro circa e versateci dentro il composto ottenuto. Cuocete in forno caldo statico a 180° per 45  min. Trascorso il tempo, fate la prova dello stecchino e, se risulta cotta, spegnete il forno e lasciate raffreddare la torta al suo interno.

Tonia

Minicheesecakes salate

minicheesck testoCheesecakes salate, ci avevate mai pensato? Io da tempo, ma tra il dire e fare, si sa… L’occasione è stato un pranzo domenicale, diciamo, importante, durante il quale le ho servite come antipasto. Sono bellissime, sfiziose ed originali!
Le ho realizzate all’interno di bicchierini da fingerfood (in plastica trasparenti), ma potete servirle anche senza un contenitore, dopo averle sformate. Sperimentandole per la prima volta, ho ritenuto opportuno usare per la crema la colla di pesce, così come si fa per una cheesecake dolce. Tuttavia, mi sono resa conto del fatto che, se servita in bicchieri, questo ingrediente si rivela alquanto inutile e rende il tutto anche meno piacevole. E’ sicuramente più gradevole una carezzevole crema al formaggio di una “gelatina” al formaggio. Se, invece, devono essere portate in tavola senza nulla, su un piatto, allora la colla di pesce è necessaria, altrimenti il tutto cascherebbe. Per questo motivo, ho deciso di riportavi la ricetta e il procedimento previsto per entrambe le presentazioni (differiscono solo per la presenza della colla di pesce), lascio a voi la scelta. Ad ogni modo, io vi consiglio, quella in bicchierino, il risultato è quello che vedete in foto.

Ingredienti (per circa 7 bicchierini)
Per la base:
-40 g di crackers
– 20 g di rucola
– 25 g di burro

Per la crema al formaggio:
– 100 g di formaggio spalmabile
– 50 g di certosa o stracchino
– 70 ml di panna da cucina
Solo se non si usa il bicchiere: 3 fogli di colla di pesce (gelatina) e un paio di cucchiai di latte

Per il top:
– Prosciutto cotto q.b.

Procedimento:
1. In un mixer tritate i crackers e la rucola. Poi, aggiungete anche il burro e frullate ancora.

2. Realizzate con questo primo composto la base delle vostre cheesecakes.
Se usate i bicchieri da finger food, sarà sufficiente spalmarlo sul fondo di ogni bicchiere e livellarlo bene.
Se, invece, non usate i bicchieri, avrete bisogno di alcuni pirottini usa e getta in alluminio; quindi, ungeteli leggermente con dell’olio o del burro e formate la base livellando il composto di crackers e rucola.

Mettete i bicchieri/pirottini in frigo e lasciateli compattare per un’oretta.

2. Passate alla crema al formaggio. Schiacciate i due formaggi con una forchetta all’interno di una ciotola e poi unite anche la panna. Mescolate bene fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio.
Se usate i bicchieri da finger food, sarà sufficiente spalmare un po’ di questa crema all’interno di ogni bicchierino.
Se, invece, non usate i bicchieri: ammollate i fogli di gelatina in acqua fredda per almeno 10 minuti; trascorso questo tempo, strizzateli bene e scioglieteli nei due cucchiai di latte precedentemente riscaldato. Trasferite questo composto di latte e gelatina nella ciotola con i formaggi e mescolate bene. Spalmate un po’ di questa crema all’interno di ogni pirottino.

3. Tagliuzzate qualche fetta di prosciutto cotto e ricoprite le vostre cheesecakes.

4. Se avete usato i bicchieri da finger food, le cheesecakes sono pronte da mangiare oppure si possono conservare in frigo anche per un paio di giorni.
Se, invece, non avete usato i bicchieri ma i pirottini, le cheesecakes dovranno riposare per qualche ora in frigo perché la gelatina dovrà solidificarsi. Una volta sode, tagliate in più punti i pirottini e poi rimuoveteli. Sistemate le cheesecakes  su un piatto da portata, o ognuna su un piatto, e servitele.

Tonia

Polpette di merluzzo

polpette merluzzo (1)I bambini e il cibo, un rapporto complicato. Alcuni mangiano pochissimo e come per farti un piacere, altri di gusto e anche troppo. Altri ancora vanno a periodi. In ogni caso, l’alimentazione del proprio figlio è sempre (o quasi) un tormento per un genitore!
Ebbene, queste belle polpettine sono perfette per i bambini, soprattutto per quelli che, di fronte ad un filetto di pesce, storcono il naso. Se il problema vi riguarda, provate a prepararle per loro. Sono gustose, sfiziose e, soprattutto, sane! Se poi fate come me e le infilzate anche in uno stecco da spiedino, il gioco per loro sarà ancora più divertente. Il mio se l’è spazzolate in due secondi!
Ma bambini a parte, anche per gli adulti sono un secondo appetitoso e diverso per gustare del merluzzo.

Ingredienti (per circa 16 polpettine):
– 150 g di merluzzo, fresco (bollito e accuratamente privato delle lische e di qualsiasi spina) o anche surgelato
– 2 fette di pancarré (o l’equivalente di pane raffermo)
– Latte q.b.
– 1 uovo
– Sale q.b.
– Prezzemolo q.b.
– Erba cipollina q.b.
– Uovo e pangrattato per la panatura q.b.
– Olio di semi d’arachide per la frittura q.b.

Procedimento:
1. All’interno di una ciotola schiacciate, con la forchetta prima e con le dita poi, il merluzzo, fino a ridurlo in poltiglia. Se usate del merluzzo fresco, questa operazione vi consentirà di rimuovere ogni eventuale spina rimasta.

2. Ammollate il pancarré nel latte e, dopo averlo strizzato ben bene, aggiungetelo al pesce. Unite anche l’uovo, il sale, un ciuffetto di prezzemolo finemente tritato e un pizzico (se essiccata) di erba cipollina. Dopo aver mescolato bene, dovrete ottenere un impasto lavorabile, appiccicoso ma non troppo. Qualora dovesse risultare troppo morbido da non riuscire a fare delle palline, aggiungete un po’ di pangrattato.

3. Formate le polpette e passatele prima nell’uovo e poi nel pangrattato.

4. Friggetele in abbondante olio di semi e fatele scolare su un foglio di carta assorbente. Servitele tiepide accompagnate da una insalata.

Tonia