Risotto asparagi e salmone

DSC_1807testo

Primavera per me vuol dire…asparagi! Questo perché, non appena spuntano i primi asparagi selvatici, il mio papà è lì pronto a non lasciarsene sfuggire neppure uno.
L’arrivo della primavera nel mio paese coincide con l’inizio della competizione tra gli appassionati come mio padre che fanno incetta di asparagi vagando nei boschi. E con i brontolii di mia madre che si ritrova sommersa da asparagi da pulire e cucinare quotidianamente!

Oggi ho accostato questi buonissimi e salutari ortaggi al salmone affumicato e ho dato vita ad un risotto gustoso e molto profumato per via della scorza di limone. Un primo piatto delicato e davvero piacevole, provatelo!

Ingredienti (per 3 persone)
– Brodo vegetale fatto con carota, sedano e cipolla (o con 1 dado, se proprio non avete tempo) q.b.
– 1/4 di cipolla bianca
– Olio extravergine d’oliva q.b.
– 60 g di asparagi, preferibilmente selvatici
– 1/2 bicchiere di vino bianco
– 200 g di riso, preferibilmente del tipo carnaroli
– 60 g di salmone affumicato
– 1/4 di limone, la scorza
– Sale q.b.
– 1 cucchiaio raso di formaggio spalmabile o di panna da cucina (facoltativo)
– 20 g di burro per mantecare
– Parmigiano reggiano grattugiato q.b.

Procedimento:
1. Mettete a soffriggere la cipolla, precedentemente grattugiata (o finemente tritata), nell’olio d’oliva. Poi, aggiungete gli asparagi lavati e tagliati a pezzettini. Fate cuocere un paio di minuti e unite il riso.

2. Fate tostare il riso e, successivamente, sfumate col vino bianco. Una volta evaporato l’alcool, cominciate la cottura del riso aggiungendo qualche mestolo di brodo come fareste con un qualsiasi risotto.

3. A metà cottura, unite il salmone tagliuzzato e la scorza di limone. Continuate la cottura aggiungendo altro brodo.

4. Solo a fine cottura, regolate di sale (assaggiate prima perché il salmone affumicato è generalmente molto sapido di suo) e unite il cucchiaio di formaggio spalmabile/panna.

5. Mantecate col burro e insaporite ulteriormente con il formaggio grattugiato. Togliete dal fuoco e servite subito.

Tonia

Annunci

Tagliolini al limone

DSC_1330firma

Avete mai mangiato i tagliolini al limone? No? Dovete assolutamente provarli!
Ne esistono tante versioni ed io vi propongo la mia. E’ un primo piatto semplicissimo e velocissimo da preparare che richiede pochissimi ingredienti ma qualche accortezza. Vedrete, il loro sapore delicato ed aromatico vi sorprenderà!

Ingredienti per 4 persone:
– 380/400 g di tagliolini
– 120 g di burro
– 2 limoni, la scorza
– 1/2 limone, il succo
– 250 ml di panna
– Pepe q.b.
– Sale q.b.
– Parmigiano grattugiato q.b.

Procedimento:
1. Grattugiate la scorza dei 2 limoni e lasciatene un po’ da parte da tagliare a striscioline sottili. Fate sciogliere il burro insieme alla scorza di limone grattugiata a fiamma molto bassa oppure ponendo direttamente il tegame sulla pentola in cui cuocerete la pasta. E’ importante che il burro non frigga e bruci e abbia il tempo di aromatizzarsi.

2. Cuocete i tagliolini in acqua bollente salata e poi prelevateli con un colino oppure un forchettone (in modo da conservarne l’acqua di cottura) e metteteli nel tegame col burro aromatizzato. Mantecate unendo, poco per volta, la panna, il succo di 1 limone e un po’ di acqua di cottura, sì da ottenere una bella cremina che raffreddandosi si rapprenderà. Non abbiate paura di aggiungere acqua di cottura, ce ne vorrà un po’ perché sia i tagliolini che la panna tendono ad asciugare molto e il risultato non dovrà essere una pasta asciutta e collosa.

3. Condite con una macinata di pepe, le striscioline di buccia di limone e il Parmigiano. Mescolate, impiattate e servite immediatamente.

Tonia

Crostatine al limone

crostatine firma

Considerate pure queste crostatine carine carine il riflesso delle mie preoccupazioni di madre. Quelle, intendo, legate all’alimentazione dei propri figli.
Spesso mi arrovello il cervello per offrire al mio piccolo un’alternativa valida a merendine confezionate, stuzzichini salati e ghiottonerie varie da mettere nello zaino. Sì, perché fino a che non sei madre puoi anche dire “non darò mai una merendina a mio figlio” o “non gli comprerò mai patatine”, ma quando poi lo diventi ti rendi conto di quanto mettere in pratica ciò sia difficile. E’ difficile perché una volta che quelle merendine le hanno assaggiate (anche solo a casa di un’amica, dalla vicina di casa, ecc.) le chiedono, ancor di più quando le vedono in mano agli amichetti dell’asilo e questo fa scattare l’interrogativo “perché loro sì ed io no?”. E’ difficile perché oltre ad essere tremendamente gustose e soffici sono anche maledettamente pratiche. Eh sì, perché a meno che non ti dedichi alla preparazione di ciambelle e dolci secchi (ai quali, però, lui preferirà sempre, stanne pur certa, una brioschina o un biscotto farcito, se non il classico panino/pancarrè con la Nutella), mangiare quel dolce umido e farcito preparato in casa sarà per lui un’impresa estremamente ardua! Se lo mangia in casa, quando ci sei tu a raccogliere tutto ciò che cade dalla sua bocca e dalle sue mani, è un conto, ma immagina un bambino di 3 anni che da solo mangia un pezzo di torta che cola crema, marmellata o altro dappertutto, o che si sbriciola ad ogni morso?! Ecco perché non è affatto facile.
Queste crostatine, perfette anche per i grandi, sono il giusto compromesso tra un dolce secco ed uno farcito. Inutile dirvi che anche mio figlio, come probabilmente il vostro, avrebbe preferito una farcitura a base di Nutella, ma a quel punto avrei evitato di sfiancarmi nel prepararle e gli avrei messo nello zainetto un bel pancarrè con la Nutella!

Ingredienti (per una diecina di crostatine)

Per la crema al limone:
– 150 ml di latte
– 1/ 2 limone, scorza grattugiata e succo
– 1 uovo piccolo
– 25 g di zucchero
– 15 g di maizena/amido di mais oppure fecola di patate

Per la frolla:
– 250 g di farina 00
– 100 g di zucchero
– 1/2 cucchiaino di lievito in polvere
– 1 limone, scorza grattugiata
– 1 pizzico di sale
– 100 g di margarina
– 1 uovo

Procedimento:
1. Cominciate col preparare la crema che dovrà avere il tempo di raffreddarsi. Mettete a bollire il latte con la scorza del limone (solo la parte gialla, mi raccomando, quella bianca conferirebbe un sapore troppo aspro alla crema) e nel frattempo sbattete l’uovo con lo zucchero e poi con la maizena. Quando il latte inizia a bollire, versate questo composto nel latte e lasciate che la crema si rapprenda, mescolando velocemente con una frusta. Una volta che la crema si è addensata, aggiungete il succo di limone. Lasciate raffreddare la crema coperta con della pellicola a contatto.

2. Preparate la frolla mettendo in una ciotola, innanzitutto, la farina, lo zucchero, il lievito e la scorza di limone. Date una mescolata e aggiungete il sale (è bene che quest’ultimo non stia a diretto contatto col lievito). Successivamente, unite il burro a pezzi e “pizzicatelo” fino a che non avrà assorbito completamente le polveri. Infine, aggiungete a questo composto sabbioso l’uovo ed impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Lasciate riposare in frigorifero per una ventina di minuti.

3. Riprendete l’impasto e stendetelo piuttosto sottile usando come base un foglio di carta forno e aiutandovi con della farina. Foderate gli stampini che avete a disposizione (perfetti, chiaramente, sarebbero quelli specifici da crostatina, ma io, per esempio, ho usato quelli in alluminio per muffin e le crostatine sono risultate solo un po’ più piccole ma esteticamente accettabili lo stesso) con uno strato di frolla, farcitela con la crema e formate il classico reticolato servendovi di una rotella. Create anche un bordo e schiacciatelo con i rebbi di una forchetta.
*Per regolarvi sulla quantità di crema da usare per ciascuna crostatina, vi consiglio di foderare più stampini, poi mettere un paio di cucchiaiate di crema per ognuno e continuare in questo modo fino a che la crema non sarò terminata. Solo dopo, ultimate le singole crostatine con reticolato e bordo. Se vi avanzerà un po’ di pasta frolla, fatene dei biscottini!

4. Infornate le crostatine in forno caldo a 180° C per 35-40 min, fino a che non risulteranno belle dorate. Buona merenda!

Tonia

Cheesecake al limone

DSC_0905firma

Ritorno sul mio blog, da una diversa location e in veste di “turista”…direbbe qualcuno. Tuttavia, qui mi sento tutt’altro che forestiera, essendo il luogo in cui ho vissuto per quasi trent’anni. Questo luogo è Alberona, la mia Alberona, un angolino immerso nel verde della Daunia, bandiera arancione e uno dei borghi più belli d’Italia. Uno di quei luoghi in cui basta passeggiare per un’ora tra la natura per rigenerarsi. Questo, perlomeno, è quello che facevo anche io prima che arrivasse il terremoto Andrea…
Ma bando alle ciance…e ai ricordi. E’ da qui che, nonostante l’assenza di tutte le comodità (strumenti del mestiere, connessione a internet, ecc.) di cui posso godere nella mia dimora abituale, vi presento un freschissimo dessert, perfetto per refrigerarvi dalla calura estiva. Provate, provate e subissatemi di commenti e consigli!

Ingredienti:

Per la base:
– 180 g di biscotti secchi
– 80 g di burro

Per la crema:
– 400 g di Philadelphia classico (o altro formaggio fresco spalmabile)
– 100 g di zucchero
– 1 limone, succo e scorza
– 200 ml di panna da montare
– 10 g di colla di pesce in fogli

Per la gelatina al limone:
– 1 limone, succo e scorza
– 200 ml di acqua
– 80 g di zucchero
– 2 cucchiai di maizena/amido di mais
– Una punta di colorante giallo (facoltativo)

Procedimento:
1. Preparate la base frullando finemente i biscotti e versandovi sopra il burro precedente fuso, al microonde o a bagnomaria. Amalgamate bene il composto e stendetelo, con l’aiuto di un cucchiaio, sullo stampo a cerniera (del diametro di 24 cm circa) con il fondo foderato di carta forno. Premete bene il composto sul fondo dello stampo così da  ottenere una base compatta e liscia. Ponete in freezer a rassodare per 15 min.

2. Nel frattempo, dedicatevi alla crema. La prima cosa da fare è ammorbidire la colla di pesce mettendola in ammollo in abbondante acqua fredda per almeno 10 min. Frattanto che i fogli di gelatina rinvengono, ponete la Philadelphia in una ciotola e, servendovi di una spatola, lavoratela con 40 g di zucchero a velo e il succo e la scorza grattugiata del limone, fino ad ottenere una crema liscia e morbida.

3. In un’altra ciotola versate la panna, tenetene da parte due cucchiai, unitevi i restanti 60 g di zucchero e montatela ben bene. In un pentolino (o al microonde), scaldate leggermente i due cucchiai di panna tenuti da parte e scioglietevi dentro la colla di pesce ben strizzata. Unite la miscela di colla e panna alla crema di formaggio e, successivamente, incorporate delicatamente anche la panna. Versate il composto così ottenuto sulla base biscottata, livellatelo bene e ponetelo in frigo per almeno 2 ore (o, se avete fretta, in freezer per una mezz’ora).

4. Mezz’ora prima di estrarre la torta dal frigorifero, preparate la copertura finale. In un pentolino mettete lo zucchero, la maizena e la scorza di limone. Poco a poco, aggiungete l’acqua e il succo del limone mescolando con una frusta. Accendete il fuoco e lasciate addensare continuando a mescolare con una frusta. Quando la gelatina sarà sufficientemente densa, spegnete il fuoco e unite la punta di colorante. Fate raffreddare la gelatina e stendetela uniformemente sulla torta.

5. Ponete la cheesecake in frigo a rassodare per almeno 4-5 ore, fino a che la superficie con la gelatina non sarà ben solidificata. Trascorso il tempo necessario, rimuovete la cerniera, sformatela e servitela tagliandola a fette. Conservate la cheesecake al limone in frigorifero.

Tonia

Risotto cremoso al limone, zucchine e gamberetti

DSC_0778firma

Il solito risotto zucchine e gamberetti? No! No, perché questo risotto è profumatissimo e sa di fresco. Il limone gli dona una nota acida e briosa che rende il classico risotto zucchine e gamberetti molto speciale. In questa ricetta, poi, ho usato del formaggio fresco (di quello spalmabile) che gli conferisce cremosità e un pizzico di dolcezza.
Da buona terrona, anche nei risotti prediligo l’olio extravergine d’oliva anziché il burro, quest’ultimo, me lo riservo per la mantecatura finale. Tuttavia, siete assolutamente liberi di sostituire l’olio per il fondo con il burro!
Vi sconsiglio vivamente di utilizzare gamberetti sgusciati congelati e acquistati al supermercato, hanno, sì, il vantaggio di essere già pronti all’uso, ma sono completamente privi di sapore. Pertanto, recatevi dal vostro pescivendolo di fiducia, armatevi di buona volontà e sgusciate sapientemente con le vostre manine i gamberetti. Sentirete la differenza!

Ingredienti per 4 persone:
– 30 ml di olio (o burro, come preferite)
– 1/2 cipolla bianca
– 260 gr di zucchine mondate
– 340 gr di riso per risotti
– 1/2 limone, il succo
– 1/2 bicchiere di vino bianco
– 1 l circa di brodo vegetale
– 250 gr di gamberetti
– 1 limone (non troppo grande), la scorza grattugiata
– 40 gr di formaggio fresco spalmabile
– 1 noce di burro per mantecare
– Sale q.b.

Procedimento:
1. In una padella dai bordi alti grattugiate la cipolla e aggiungete l’olio. Mettete sul fuoco e lasciate che la cipolla imbiondisca. Poi, unite le zucchine, anch’esse grattugiate (non troppo finemente), e fatele stufare qualche minuto rigirandole spesso e fino a che non appariranno leggermente appassite.

2. Aggiungete il riso, fatelo tostare e sfumate col succo di limone e il vino bianco. Quando saranno evaporati, cominciate la cottura del riso aggiungendo di tanto in tanto il brodo vegetale.

3. A metà cottura (quanto ai tempi, seguite le indicazioni riportate sulla confezione del riso che state utilizzando) unite i gamberetti e la scorza del limone. Regolate di sale.

4. Per terminare, mantecate col formaggio fresco e il burro e servite subito.

Tonia

Delizia al limone

DSC_0369firma

Avete presente la torta “note di limone” della Mulino Bianco? Be’, esattamente quella.
La preparo ormai da tempo, pertanto è una ricetta super collaudata. Questa torta si compone di ben tre strati distinti: una friabile base di frolla, una deliziosa crema al limone ed una copertura fatta di sofficissimo impasto di torta margherita.  Per questo motivo, non è una delle preparazioni più semplici e, per lo stesso motivo, è perfetta come dolce “importante”. Però, vi garantisco che è una fatica ben ripagata!
Per velocizzare e semplificare il tutto, faccio seguire il procedimento classico da quello con il Bimby, dal momento che ce l’ho da tempo segnato sul mio ricettario. Non sono bravissima nella gestione dei tempi/velocità Bimby, altrimenti lo farei anche con tutte le altre ricette, ma non lo uso spesso e non ho acquisito una dimestichezza tale da essere “autonoma” nel suo uso.

Ingredienti:

Per la frolla:
– 160 gr di farina 00
– 50 gr di zucchero
– 70 gr di burro morbido
– 1 tuorlo
– 1 pizzico di sale
– 1/2 limone, la scorza grattugiata

Per la crema:
– 100 gr di zucchero
– 1 uovo
– 70 gr di margarina o burro
– 1 limone e 1/2, il succo e la scorza grattugiata
– 40 gr di farina
– 250 ml di latte
– 1 pizzico di sale

Per la copertura “margherita”:
– 100 gr di zucchero
– 3 uova medio-piccole
– 100 gr di margarina o burro
– 1 pizzico di sale
– 1 bustina di vanillina (opzionale)
– 30 ml di latte
– 30 ml di limoncello
– 120 gr di farina
– 20 gr di fecola
– 1 bustina di lievito in polvere

Procedimento:
1.  Preparazione della frolla
Mescolate la farina con lo zucchero e la scorza di limone e incorporate pian piano, con le mani, il burro a pezzetti. Quando il burro sarà diventato una sabbiolina, unite l’uovo e il pizzico di sale e impastate.
Procedimento Bimby: polverizzate lo zucchero e la scorza di limone per 10 sec. a vel 8. Aprite, spatolate e polverizzate per altri 10 sec. alla stessa velocità. Unite l’uovo, la farina, il burro, il sale e impastate: 1 min. vel. spiga.

Prelevate l’impasto ottenuto, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per 20 min. circa. Trascorso il tempo, stendetelo per 3-4 mm in una tortiera di 24 cm di diametro.

2. Preparazione della crema
Mettete a scaldare il latte insieme alla margarina (o il burro) in un pentolino. In una ciotola sbattete con una frusta l’uovo con lo zucchero. Successivamente, unite il succo, la scorza di limone, la farina setacciata, il sale e continuate a mescolare. Quando il latte inizia a bollire, versate il composto nel pentolino e mescolate immediatamente. Spegnete il fuoco quando la crema apparirà densa (ma non troppo).
Procedimento Bimby: senza lavare il boccale, inserite lo zucchero e, con lame in movimento, polverizzate la restante buccia di limone per 10 sec. a vel 8. Aprite, spatolate e polverizzate ancora per 10 sec. alla stessa velocità. Unite gli altri ingredienti: l’uovo, la margarina (o il burro), il succo del limone, la farina, il latte, il sale e cuocete: 7 min. 80° vel 4.

Lasciate raffreddare la crema ottenuta. Una volta fredda, versatela sul fondo di pasta frolla lasciando 1 cm di spazio sul bordo esterno.

3. Preparazione della copertura “margherita”
Con uno sbattitore elettrico sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete la margarina (o il burro), il sale, la vanillina, il latte ed il limoncello. Mescolate e poi unite la farina, la fecola e il lievito setacciandoli insieme.
Procedimento Bimby: senza lavare il boccale, inserite la margarina (o il burro), lo zucchero, la vanillina, il sale e, con lame in movimento a vel 3, unite dal foro del coperchio, uno alla volta, le uova, il latte e il liquore. Aprite il coperchio, radunate con la spatola e aggiungete la farina, la fecola e, per ultimo, il lievito: 2 min. vel. 3-4.

Versate tutto il composto ottenuto sulla crema, avendo cura di coprirla molto bene. Non abbiate paura, la crema e l’impasto rimarranno ben separati l’uno dall’altro.

4. Infornate in forno preriscaldato a 180° per 35 min. circa.

Tonia

Crostata di ricotta agrumata

DSC_0574firma

Per gli amanti dei sapori di una volta, una crostata soffice e profumata. Un classico adatto a tutte le occasioni, dalla colazione alla merenda dei bambini.
Anche se non è un dolce generalmente considerato “godurioso”, vi garantisco che piace proprio a tutti, anche, appunto, ai bambini. Vi dico solo che il mio, quando la preparo, ha un pensiero fisso: la crostata!

Ingredienti:

Per la frolla:
-250 g di farina
– 100 g di zucchero
– 1 pizzico di sale
– 1 limone, la scorza
– 125 g di burro
– 1 cucchiaino di lievito in polvere
– 1 uovo

Per il ripieno:
– 500 g di ricotta vaccina
– 70 g di zucchero
– 1 uovo piccolo
– 1 limone, la scorza
– 1/2 arancia, la scorza
– 1 mandarino, la scorza
– 1/2 fialetta di aroma al limone
– 1/2 fialetta di aroma all’arancia
– 1 pizzico di cannella

Procedimento:
1. Preparate la frolla mescolando, innanzitutto, la farina con lo zucchero. Unite anche il sale, la scorza di limone e il burro a pezzetti. Pizzicate con le dita fino a ridurre al minimo il burro: dovrete ottenere un composto sabbioso. Aggiungete il lievito e l’uovo e continuate ad impastare fino a che non sarà ben compatto ed omogeneo.
Avvolgete l’impasto nella pellicola o nella carta da forno e fatelo riposare in frigorifero per 30 min.

2. In una ciotola setacciate la ricotta e unite, poco alla volta e mescolando, tutti gli altri ingredienti. Il risultato sarà una crema alla ricotta corposa.

3. Servitevi della carta da forno e stendete la frolla fino ad uno spessore di circa 1/2 cm. Foderate, senza rimuovere la carta, una tortiera di circa 30 cm di diametro (se circolare). La crostata, nel suo aspetto finale, dovrà avere un’altezza di circa 2 cm.
Distribuitevi il ripieno di ricotta, livellandolo bene, e ritagliate dai bordi la pasta in eccesso. Dal resto dell’impasto ritagliate delle strisce e adagiatele sulla crostata incrociandole così da creare delle losanghe.

4. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 45 minuti. Quando la crostata risulterà dorata sfornatela e lasciatela raffreddare. Cospargetela di zucchero a velo.

Tonia